LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

venerdì, ottobre 31, 2008

Un genio futurista a Napoli: Francesco Cangiullo (1)

Strana figura quella di Francesco Cangiullo. Ricordato sempre marginalmente nel gruppo futurista, ebbe in realtà un ruolo di grande importanza in molte occasioni. Di sicuro il napoletano Cangiullo è uno degli artisti d’avanguardia maggiormente dimenticati. Entrato nel movimento futurista nel 1913, rappresentò l'ala del gruppo dotata di maggiore predisposizione al comico e alla provocazione.
Ciò che sorprende ancora oggi è la poliedricità dei suoi interessi. Fu in grado di scrivere manifesti futuristi fondamentali, di cui tutti ricordano il notissimo Manifesto del teatro della sorpresa (1921, con Marinetti), ma in pochi citano l’originalissimo e geniale Poesia pentagrammata (1922), per non parlare di testi quasi introvabili come Il mobilio futurista. I mobili a sorpresa parlanti e paroliberi (1920) e il Manifesto futurista dell’amicizia in guerra.

La Poesia pentagrammata, dando la simultaneità grafica della Poesia e della sua Musica naturale, in essa naturalmente contenuta, aggiunge una nuova smisurata estensione di tereno vergine al campo poetico.

Tra i testi di altro tipo Piedigrotta costituisce, per alcune innovazioni sorprendenti apportate all’interno dell’impostazione parolibera, uno dei prodotti più importanti dell’intero futurismo. Lo stesso Marinetti lo spedì al gruppo Dada di Zurigo, che tennero sempre in enorme stima Cangiullo. Hugo Ball e Tristan Tzara esposero alcune pagine di Piedigrotta al Cabaret Voltaire.

Etichette: , , , , , , , ,

7 Comments:

At 01 novembre, 2008 14:30, Blogger Paolo said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
At 01 novembre, 2008 14:31, Blogger Paolo said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
At 01 novembre, 2008 20:12, Blogger Antonio Saccoccio said...

ehi sì, paolo.
E il nostro era anche ben consapevole anche della particolarità del suo cognome.

Guarda come intitolò nel 19126 un suo manifesto oggi praticamente sconosciuto: La scoperta del sostantivo anatomico e del sesso in esso. Manifesto scientifico cangiullante.

Ora tu dimmi se non è puro genio partenopeo solo questo titolo!

 
At 04 novembre, 2008 00:46, Blogger Dylan said...

Non mi stupisce leggere nomi di futuristi quasi o del tutto sconosciuti. Il movimento è stato così radicale ed universale da abbracciare qualsiasi aspetto della vita e dell'arte tanto che nei nuclei sparsi su tutta la nazione, sicuramente gli artisti e i pensatori che ne hanno preso parte per i diversi interessi sono stati molteplici.
E' bello per me scoprire queste personalità tenute un po' ai margini e conoscerne il loro apporto alla dinamica del futurismo nella sua affermazione di movimento totale.

 
At 06 novembre, 2008 23:24, Blogger Gonzalo said...

Ah Antonio! Grazie per questo tuo commento su un tal personaggio di cui non sapeva niente.

Un abbraccio,
Gonzalo

 
At 06 novembre, 2008 23:59, Blogger Gonzalo said...

sapevo********scusa

 
At 07 novembre, 2008 13:29, Blogger Antonio Saccoccio said...

dylan, gonzalo, ricordate che anche a questo serve il net.futurismo: a portare alla luce personalità straordinarie come Cangiullo, che andrebbero invece studiate attentamente. Almeno da chi vuole fare avanguardia.

ad futurum

 

Posta un commento

<< Home