LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

domenica, ottobre 19, 2008

La rete è nel reale. Il reale è nella rete.

Le potenzialità di un blog sono immense. Noi net.futuristi lo crediamo fermamente. Perché noi net.futuristi abbiamo portato al massimo grado di sviluppo queste potenzialità.

Vediamo le nostre conquiste in sintesi:
- Creazione e costruzione ex novo di un pensiero radicalmente alternativo al sistema e alle vecchie logiche di potere che dominano ormai la quasi totalità della società. Tutto a partire dal web, inizialmente da un singolo blog.
- Creazione di un’aggregazione di individui animati dagli stessi obiettivi e dalla stessa tensione ideale. Questa aggregazione non ha alcun altro interesse che non sia quello di portare avanti il net.futurismo. Nessun utilitarismo, nessun mercantilismo, nessun compromesso.
- Evoluzione continua dell’aggregazione net.futurista grazie ad un naturalissimo processo di autoselezione naturale (i meno capaci, i meno coraggiosi, i meno volitivi, presa coscienza progressivamente della propria inadeguatezza, abbandonano e vengono sostituiti da attivisti più capaci, più coraggiosi e più volitivi).
- Evoluzione continua e incessante del pensiero grazie agli strumenti di cui si avvalgono i vari GSPPN (blog.net, SkypeNFC, NTFFML).
- Evoluzione personale dei singoli attivisti net.futuristi grazie al continuo sforzo creativo e al continuo confronto con gli altri net.futuristi.
- Invenzione di nuove forme di creatività e nuovi eventi creativi nati sul web e approdati fuori dal web (anti-conferenza, mostranonmostra).
Ma la più grande conquista del Net.Futurismo è oggi aver dimostrato un principio fondamentale che noi diffondiamo e diffonderemo in ogni angolo del pianeta fino a quando non avremo convinto l’ultimo testardissimo passatista/presentista:
“La rete è nel reale. Il reale è nella rete”

Abbiamo annullato la diffusissima percezione dell’opposizione “reale/virtuale” che ancora assilla la grande maggioranza degli utenti del web. Continuare a proporre semplicisticamente la distinzione “reale/virtuale” è per noi semplicemente primitivo. Oggi si potrebbe provocatoriamente, ma neppure troppo, sostenere che molti eventi sul web sono più reali di molti altri al di fuori del web.
Nati sul web, i net.futuristi hanno preso il paradigma reticolare a modello delle loro relazioni/interazioni e hanno proposto di applicare quel modello all’intera società, anche al di fuori del web. E abbiamo chiamato tutto questo retealtà. I net.futuristi si frequentano sul web e fuori dal web con la stessa identica modalità comunicativa: l’umanità sviluppata al suo massimo grado. I net.futuristi hanno portato al di fuori del web le loro idee e la loro vitalità net.futuriste, diffondendo il loro pensiero e la loro creatività ovunque.
Riflettiamo. Tutto questo si può fare, perché i net.futuristi lo hanno fatto.
Grazie alle conquiste net.futuriste l’uomo nuovo a mille dimensioni è più vicino.

Antonio Saccoccio

Etichette: , , , , , , , , , , ,

4 Comments:

At 19 ottobre, 2008 12:07, Blogger Giovanni Getto said...

visionaria visione ma straordinariamente... realistica. ormai la modalità di comunicazione ed incontro in rete fa parte della vita reale. non prenderne atto significa vivere in un mondo passato, destinato a finire. come chi si attardò con la televisione, il telefono, il fax, il cellulare. questo non toglie l'ALTRO impegno, ovvero il fare in modo che l'uso della rete sia naturalmente integrato nella vita fuori dalla rete e non un patologico rimpiazzo

 
At 19 ottobre, 2008 22:24, Blogger Dylan said...

Il net.futurismo è prima di tutto AUDACIA.
Per un'idea che può farsi grande, che parte da un blog e scuote, sprona, anima!
Il passo successivo è
GRINTA PASSIONE CONVINZIONE TENACIA...
Tutto quello che oggi è il net.futurismo, tutto quello che sarà, tutta l'evoluzione personale è dovuta in gran parte alla rete, è partita dalla rete sviluppando un confronto costante.
Avanti così: "comecarrarmati" ;)

 
At 20 ottobre, 2008 18:37, Blogger Paolo said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
At 13 ottobre, 2009 17:45, Anonymous virtualmente realista said...

realisticamente mi sembra un'operazione virtualmente innovativa

 

Posta un commento

<< Home