LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

giovedì, giugno 21, 2007

Sintesi Neofuturista della Scuola (2007)



Etichette: , , , , ,

8 Comments:

At 22 giugno, 2007 08:40, Blogger FulviaLeopardi said...

quasi meglio dell'originale

 
At 22 giugno, 2007 22:53, Blogger squitto said...

guarda, sulla maturità ho velocemente accennato in qualche commento su "Parbleu!", vedendo, per altro, condivise le mie impressioni.
Nausea... :-(

 
At 23 giugno, 2007 11:25, Blogger Antonio Saccoccio said...

Squitto, la cosa grave è che tutto questo non è stato casuale. Il Ministro ha detto che non sono state scelte tracce d'attualità per non permettere ai ragazzi di copiare.
Tracce tanto vecchie e morte sono quindi il risultato di un ragionamento (sic)!

Un fallimento studiato a tavolino, in pratica.

Pensa a quale visione educativa ha il nostro Ministro se come prima preoccupazione ha quella di non far copiare i ragazzi. Una preoccupazione che rivela una miopia assoluta. Come per la questione dei cellulari, ricordi?
Fare la guerra preventiva ai ragazzi è davvero sciocco e non fa che allontanare sempre più i ragazzi dalla scuola.

Ma poi, se si ragiona davvero, non è più facile copiare con temi così abusati?

E' un peccato perchè alla fine sono i ragazzi ad essere penalizzati. E non poco.

Ai ragazzi andrebbero offerte tracce stimolanti, intelligenti, vive.

Per per scrivere una traccia viva c'è bisogno di gente viva.

Spero che questo serva a far capire a tutti che i problemi della scuola derivano dall'assoluta incompetenza del Ministero. Il marcio è nei palazzi del potere. Come sempre.

ciao!

 
At 23 giugno, 2007 23:48, Blogger squitto said...

Di quello che aveva detto il Ministro non ero al corrente, pazzesco...
mi chiedo cosa c'entri con il copiare, perché, l'attualità si può copiare e l'ovvio invece no?
Schizoide...
Poi è una Maturità. Se uno arriva lì e come ultima spiaggia deve copiare questo la dice lunga sui cinque anni che ha trascorso là dentro.

Comunque, oltre alla muffa e alle paludi io nelle tracce ho visto anche di peggio, ed il riassunto di quel che ho visto l'ha scritto tanto sinteticamente quanto magistralmente Astrolabio nel post

http://astrolabio.splinder.com/post/12759499/la+prima+prova+di+maturità +tradotta.

Un abbraccio! :)

 
At 23 giugno, 2007 23:51, Blogger squitto said...

miiii scusa, ho visto solo ora che l'hai già visitato!!!
(pardon, oggi pomeriggio ho preferito andare al mare :-))

 
At 24 giugno, 2007 00:46, Blogger Antonio Saccoccio said...

In realtà è stata la vice-ministro Bastico ad affermare quella cosa.
E' stata lei ad occuparsi delle tracce, dato che Fioroni se ne è tenuto volutamente lontano poichè aveva il figlio impegnato nella maturità.
La Bastico ha affermato:
"Non ho scelto argomenti legati a ricorrenze o ad anniversari - pur di grande rilevanza - perché so che sono argomenti attesi (anche se le tracce delle prove sono state da me scelte ben prima del "toto-tema") e inducono nella tentazione di prepararli o farseli preparare prima.
La prova di italiano deve essere occasione per esprimere se stessi, le proprie attitudini ed interessi, le proprie conoscenze e la capacità di fare collegamenti logici ed analisi critiche. L'esatto contrario della copiatura. L'esatto contrario dell'utilizzo di luoghi comuni".


Luoghi comuni!! Non vuole luoghi comuni e prepara tracce tanto passatiste! Non sa quello che dice, è evidente.

Senti cosa ha detto del tema sulla globalizzazione:
"Ho scelto il tema della globalizzazione, in uno dei suoi aspetti che maggiormente incide sulla vita di tutte le persone: l'individuo diventa soggetto che "guarda passivamente", non più "soggetto attivo che partecipa direttamente"; ho chiesto di approfondire la relazione tra l'universale e il locale - l'universale e il "villaggio" - tema che riguarda non solo le persone, ma i sistemi economici e sociali e le istituzioni pubbliche"

C'è solo un problema. Un piccolissimo problema. La traccia riporta una citazione del 1983, in un momento in cui le dinamiche della globalizzazione erano ad un livello completamente diverso da quello attuale. Restano fuori gli ultimi 25 anni, in cui la globalizzazione ha preso strade impensabili allora. Il tema proponeva la televionse come culla del villaggio globale; ora con il web siamo in una fase completamente diversa. Alla passività televisiva evocata nella traccia si è sostituita una nuova forma di comunicazione attiva e partecipativa (cosa che noi bloggers conosciamo molto bene).
Ma di tutto questo non può esserci traccia in una citazione del 1983! Ovviamente nei temi dei ragazzi compare internet e il suo sviluppo, cosa non prevista dalla traccia.
Ed è per questo anche che ho voluto contrapporre a quelle tracce il tema che ho dato quest'anno ai miei alunni.
Insomma, ci vorrebbe tanto poco a scrivere tracce stimolanti.
Non si può annichilire e fuorviare i ragazzi in quel modo.

Basta così, anche se ne avrei di cose da dire.

Mi aspettano altre 3 settimane di muffe e paludi.

un abbraccio e a presto!

 
At 24 giugno, 2007 01:00, Blogger squitto said...

che ti devo dire che non ti abbia già detto, dopo aver vissuto una vita nella scuola da studentessa, figlia di insegnanti e poi insegnante io stessa, confermo quello che ho pensato da quando avevo pochi anni...
la scuola è un miserevole (e ridicolo) tempietto delle cariatidi.
Allibivo, leggendo le parole della Bastico, ma poi ho letto che tu hai già espresso benissimo ogni obiezione che mi è balzata in mente alle sue parole. Non si può aggiungere altro...

 
At 03 luglio, 2007 10:39, Anonymous anna said...

molto interessante sto blog!

complimenti!

ciao!

 

Posta un commento

<< Home