LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

lunedì, giugno 30, 2008

L'arte di far manifesti

F. T. Marinetti fu senza dubbio uno dei più grandi scrittori del Novecento. Il fondatore del Futurismo raggiunse il vertice della potenza espressiva in quell'"arte di far manifesti", che lo rese celebre in tutto il mondo e che fu uno tra i motivi principali dell'affermazione del movimento. A pochi è chiara la difficoltà di scrivere un manifesto. Occorre un consistente lavoro preparatorio, riflessione prolungata, brainstorming, bozze ripetute, scaletta rigorosissima, stesure multiple. Occorre soprattutto possedere grandi doti di chiarezza e la capacità di progettare un impianto generale solidissimo. Ovviamente necessarie anche grandi doti di sintesi e notevole potenza espressiva. Occorre istinto, logica stringente, passione, vigore, convinzione, esaltazione.
Tutto questo ebbero i futuristi. Tutto questo hanno i net.futuristi.
L'avanguardia non può fare a meno di manifesti programmatici. E proprio oggi - in tempi di trionfante deprimente nichilismo - scrivere un manifesto è operazione ancor più rivoluzionaria.
Antonio S.

Etichette: , , , ,

6 Comments:

At 01 luglio, 2008 16:39, Blogger Giovanni Getto said...

blognet.manifesti!!!
ma ci pensi che tra cent'anni gli insegnanti diranno: va bene ragazzi, per la prossima settimana mi studiate i blog net.futuristi dei primi anni 2000.
si collegheranno in rete, navigheranno la blognet e magari manderanno qualche commento con la speranza che un nipote zelante sveli alcuni dubbi.
ma i nostri nipoti troveranno comunque tutto questo incredibilmente e noiosamente antiquato... se tutto è andato bene.

 
At 03 luglio, 2008 15:10, Blogger Carlo Gambescia said...

Ciao Antonio,
Sottoscrivo.
Un caro saluto a te e al simpatico Giovanni.
Carlo

 
At 06 luglio, 2008 21:12, Blogger notecellulari di mariaserena said...

E' proprio vero, Antonio. Le tue sintesi sono essenza di analisti fondate sulla conoscenza profonda.
Condivido completamente la tua tesi:non possiamo fare a meno dei manifesti, dei tuoi manifesti net-futuristi.
Non voglio inquinare con note marginali questo lucido tuo spazio. Ma non posso nemmeno non interrogarmi sul recente evento: la elezione a sindaco di Sgarbi e la sua discutibile decisione di nominare "assessori" un manipolo di nomi noti e meno noti (più che altro per meriti gastronomico-mediatico-e neogenicompresi) tra cui l'imbrattatore di fontane e monumenti romani.
Ma il compiacimento volgare del conformismo ripetitivo non durerà sempre.
Qualcuno chiederà, prima o poi, a costoro: cosa hai scritto? quali sono le tue teorie artistiche? quale è stato il tuo itinerario stilistico? dove sono le tue sintesi, le proposte e i tuoi manifesti?
Che cosa potrebbero rispondere costoro?
Ho copiato-copiato-copiato...e copiato male.

 
At 09 luglio, 2008 14:07, Anonymous Anonimo said...

I like this blog!

Se ami la letteratura: http://operaomnia.interfree.it/index.html

 
At 10 luglio, 2008 22:58, Blogger Antonio Saccoccio said...

è vero, Gianni.
ma già accade oggi in qualche modo.
dalle informazioni che mi giungono i nostri testi sono nelle tesine di maturità di mezza Italia.

questo ci deve spingere a fare ancora di più. noi non vogliamo per un solo istante goderci alcun tipo di successo.

Mariaserena, grazie sempre del tuo apporto convintamente net.futurista. Di certi personaggi conviene ridere. A dire il vero a me non fanno neppure più ridere. Sono talmente inutili da non provocare neppure più una sana risata! Più che conformisti, sono figure inesistenti.

 
At 06 novembre, 2009 11:18, Anonymous Anonimo said...

leggere l'intero blog, pretty good

 

Posta un commento

<< Home