LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

lunedì, aprile 20, 2009

Stewart Home (e Net.Futurismo) contro Karlheinz Stockhausen

Inutile dire che Stewart Home è un avanguardista. Uno dei migliori degli ultimi decenni. E' stato un precursore in molti dei temi che sono stati in seguito raccolti da diversi creativi e poi finalmente analizzati sistematicamente ed inseriti in una proposta artistico-culturale completa dal Net.Futurismo.
Uno dei più noti attacchi che Stewart Home e la Neoist Alliance produssero fu quello contro il compositore Karlheinz Stockhausen.
"Stockhausen ha affermato che la maggior parte della sua musica gli viene dettata da essere provenienti da una civiltà superiore che vivono in una galassia lontana. La propaganda neoista si prefiggeva di mettere in evidenza come l'aura mistica di cui il compositore circonda le sue opere sia una frode manifesta", sostiene Home.
Parole che non possono che essere condivise totalmente. Dobbiamo ammirare il coraggio di Home, capace di voler demolire quella cultura "seria" e "alta", che corrisponde nient'altro che alla cultura ufficiale di ogni tempo. L'arte che si dichiara "alta e "seria" - e questo i veri artisti lo sanno bene - è realmente una frode. Solo che non fa comodo dirlo perchè altrimenti l'Artista "serio" non avrebbe più ragione di sentirsi migliore degli altri.
"La campagna contro Stockhausen è parte di una lotta continua che andrà avanti fino a che l'ultimo difensore della decadente "arte alta" non sarà stato messo a tacere!"
Ci uniamo al grido di Stewart Home, sperando che le sue dichiarazioni e le sue azioni siano sempre efficaci come queste sue parole.
Il Net.Futurismo sostiene da tempo che l'arte ufficiale contemporanea è soltanto l'estrema sopravvivenza di una cultura decadente che oggi resiste solo attraverso il massiccio indottrinamento mediatico.
Probabilmente l'arte di sistema è la più grande frode dei nostri giorni.
Noi net.futuristi, che siamo creativi veri, non smetteremo mai di gridare il nostro sdegno verso quegli "Artisti" che ancora vogliono vivere immersi in un'aura anti-storica, che ancora oggi sostengono di essere degli alieni, o magari di essere ispirati da entità sovrannaturali.
Finiamola con queste pagliacciate. Noi ribadiamo che la creatività è una delle tante facoltà umane. E ribadiamo che non c'è nulla di sovrannaturale in chi è creativo.
Toglietevi queste arie da sacerdoti. E siate finalmente realmente creativi.
Antonio S.

Etichette: , , , , , , , ,

5 Comments:

At 20 aprile, 2009 23:27, Blogger Giulio Morera said...

La falsità di chi si pone sul piedistallo come artista inimitabile è esplicita nella ritualità, nel conformismo del suo "way of life"

Quale creativo "superiore" deciderebbe di rispettare i canoni costruiti dall'esterno?

 
At 21 aprile, 2009 11:32, Blogger isteron said...

Quando i primi suoni elettronici sconvolsero la storia della musica, la nostra sensibilità non era ancora in grado di gestire l'infinita varietà di suoni che si potevano ottenere. Per darsi degli schemi su cui comporre, bisognava ricorrere al formalismo più esasperato e matematico (o affidarsi al Caso, come insegna Cage). La propria sensibilità musicale passava in secondo piano; certo, affidare il merito delle proprie composizioni ad entità extraterrestri è un ottima giustificazione a questi atteggiamenti. Ma oggi, con tecnologie alla portata di tutti, e con un orecchio più sensibile al rumore, possiamo guidare la musica in una dimensione molto più umana e soggettiva. Sembrerà un discorso banale, ma in pochi sono riusciti a muoversi nel campo delle avanguardie facendo emergere qualcosa della propria personalità.

 
At 22 aprile, 2009 00:54, Blogger Paolo said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
At 27 aprile, 2009 23:27, Blogger Antonio Saccoccio said...

bisogna contrastare in tutti i modi queste sopravvivenze tardo-romantiche.
chi si dichiara ancora illuminato da divinità o entità superiori, merita il titolo di ciarlatano
e merita di essere combatutto con tutte le nostre forze!

AD FUTURUM

 
At 16 maggio, 2009 16:09, Anonymous Anonimo said...

stockhausen colpito e affondato

 

Posta un commento

<< Home