LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

giovedì, ottobre 20, 2005

I quattro modi della politica

Si fa un gran parlare di politica. Il più delle volte si finisce con uno squallido teatrino, in cui luoghi comuni si rincorrono senza fine. Da una parte e dall'altra.
Vorrei qui proporre una classificazione generale che ho ideato sulla base dei differenti approcci che un politico può avere nell'esercizio delle sue funzioni.
La politica si può fare in 4 diverse maniere, che si possono così elencare in ordine decrescente di valore:
1. a favore di qualcosa (Chi crede in un ideale/progetto e vuole realizzarlo)
2. contro qualcosa (Chi crede nocivo un ideale/progetto e vuole eliminarlo)
3. a favore di qualcuno (Chi vuole favorire alcune persone)
4. contro qualcuno (Chi vuole distruggere alcune persone)

Questa classificazione è il risultato dell'azione di 2 parametri combinati:
a) è sempre meglio proporre qualcosa piuttosto che distruggerne un'altra (quindi è preferibile essere "a favore" piuttosto che "contro")
b) la vera politica ha per oggetto le cose da fare e non le persone che la fanno (è preferibile quindi il "qualcosa" al "qualcuno").

---
Tutto questo a livello teorico. Ma in pratica quali politici rientrano nei quattro gruppi succitati?
Questo blog non si è mai addentrato in questioni specificamente politiche. Tuttavia sulla base di questa teorizzazione crede sia giusto arrischiare un giudizio.
GRUPPO N. 4
Il gruppo peggiore è ovviamente il n. 4 e vi rientrano da sempre tutte le ideologie centrate sull'odio: storicamente abbbiamo i comunisti-classisti (che diffondono l'odio per la classe ritenuta padrona), e i nazisti-razzisti (che diffondono l'odio per le razze ritenute inferiori).
Attualmente in Italia abbiamo in questo gruppo larga parte dei partiti eredi dell'ideologia marxista (Cossutta, Diliberto, Angius in primis, ma anche Pecoraro Scanio, D'Alema, Fassino, Veltroni e tutti coloro che si sono adoperati per fomentare l'odio anti-berlusconiano).
A questo gruppo si aggiungono altri personaggi inquietanti legati alla Lega Nord (Borghezio per citare il più noto), che giocano pericolosamente sull'ostilità popolare nei confronti delle minoranze etniche e religiose presenti nel nostro paese.
GRUPPO N. 3
A questo gruppo appartengono purtroppo larga parte dei nostri politici. Purtroppo il nostro sistema è clientelare. I politici sanno che per essere eletti bisogna appoggiarsi a particolari gruppi di interesse e così la sinistra cerca consensi tra gli operai e gli insegnanti, la destra tra gli imprenditori e i liberi professionisti. Tutto questo è assai squallido e deleterio perchè contribuisce a spaccare la società.
Lo stesso Berlusconi appartiene a questo gruppo. Quando è sceso in campo nel 1994 è stato evidentemente per difendere il suo gruppo (e chi aveva interessi simili) dalla valanga comunista che stava per abbattersi sul nostro paese dopo la scomparsa del PSI e della DC.
GRUPPO N. 2
Il presidente Berlusconi appartiene anche a questo gruppo. Chi non ricorda infatti il suo motto "Noi siamo anti-comunisti". Essere contro un ideale che si ritiene negativo per la società è cosa lodevole, ma bisogna pur sempre proporre poi qualcosa di più. In questo il cavaliere non è finora riuscito pienamente e quindi non appartiene al
GRUPPO N. 1
Questa è la vera categoria della politica: pensare a quanto di meglio c'è per la società e cercare di conseguirlo.
A questo gruppo purtroppo non mi sento di legare con certezza qualche nome della politica nostrana. Forse in qualche caso possono appartenere a questo gruppo i radicali, che in nome delle loro idee hanno combattutto battaglie civili senza mai badare a calcoli elettorali.
A questo gruppo potrebbe appartenere anche una persona come Bertinotti, che crede fermamente nel suo ideale, ma che però è anche pienamente inserito nel gruppo n. 3, perchè la sua è una visione politica chiaramente a favore di una sola parte sociale.
---
In conclusione qual è per me il politico ideale? E' un uomo che non deve avere nulla a che vedere col gruppo 4, dei gruppi intermedi può avere qualcosa (n. 2 e n. 3), ma deve appartenere innanzitutto e soprattutto al gruppo 1.
Ad maiora
Antonio Saccoccio

12 Comments:

At 20 ottobre, 2005 19:11, Anonymous METAFISICO said...

DAvvero sorprendente. L apenso praticamente uguale. Con legger distinzioni. Penso che Berluscono sia il meglio che si possa avere nel deserto folliniano e priano della politica italiana. Ma si discosta ciò nonostante dal mio IDEALE di politico. CHe sia chiaro attualmente in Italia non esiste.
RIcordi un mio post vecchio?
Per me l'ideale, categoria 1, sarebbe uno come Scwarzenegger, "adottato" dalla California e dai Californiani e candidatosi per fare l'interesse di essi.

 
At 21 ottobre, 2005 16:13, Anonymous Una Persona Intorno said...

Il tema del tuo post me ne ha ricordato uno che lessi qualche tempo fa e con cui concordo.

In caso ti andasse di leggerlo, ti lascio il link:
http://berlicche.splinder.com/post/5764296

Ciao Antonio
Upi

 
At 21 ottobre, 2005 19:21, Blogger Antonio Saccoccio said...

Letto! La partenza è simile, anche se poi lui fa una virata su Benedetto XVI. Interessante comunque. Grazie della segnalazione!
Anto

 
At 22 ottobre, 2005 13:26, Blogger Antonio Saccoccio said...

meta non conosco così bene Schwarzenegger da poter essere sicuro che ha un vero ideale in cui crede. Ma se lo dici tu che lo conosci bene... ;->
Tu gente come Mastella e Follini dove li collocheresti? Io direi in piena fascia 3... anche se il subdlolo Follini ha anche qualcosa della fascia 4...
ciao

 
At 22 ottobre, 2005 21:14, Anonymous Una Persona Intorno said...

Berlicche è un grande. Umanamente e mi piace l'acume con cui guarda le cose.
E sempre sempre uno su cui puoi contare qua dentro.
Felice di avertelo fatto "conoscere". :-)

 
At 22 ottobre, 2005 21:23, Anonymous METAFISICO said...

Follini e il suo partito sono l'emblema della fascia 3 ma anche della 4, Berlusconi come loro leader non lo sopportano, preferirebbero un ottuso del loro partito in stile ANdreotti.

P.S mi scuso per gli errori di velocità del commento 1, non l'avevo riletto.
"...nel deserto folliniano e prodiano..."

 
At 22 ottobre, 2005 21:38, Anonymous METAFISICO said...

SChwarzenegger per molti versi è simile a Berlusconi, è diventato governatore pur non essendo un politico di professione e attirandosi però meno critiche e pregiudizi rispetto al nostro presidente del consiglio.
C' è poi da dire che è stato eletto pur essendo "straniero" ma a tutti gli effetti per cittadinaza, vita e ideali americano.
Quindi la popolazione lo ha premiato perchè quando una persona riesce ad esprimere il comune sentire del popolo che l'ha ospitato, il paese d'origine diventa un elemento secondario.

 
At 22 ottobre, 2005 22:28, Blogger Antonio Saccoccio said...

meta avevo compreso. Chi poteva essere accostato a Follini se non Prodi? ;-)
In realtà Follini potrebbe appartenere anche ad un'ulteriore quinta fascia 5: gli infiltrati! Ossia coloro che si infiltrano in una coalizione per farne perdere ogni credibilità. E il risultato l'abbiamo visto tutti: grazie a lui 8 punti percentuali persi in un anno dal centro-destra!
ciao
Antonio

 
At 22 ottobre, 2005 22:30, Blogger Antonio Saccoccio said...

In realtà io vorrei essere governato da uno come Seneca.
Ma nascono ancora persone del genere?

 
At 25 ottobre, 2005 19:59, Anonymous METAFISICO said...

Certo essere governato da uno come Seneca o Platone è il massimo ma il problema è che appunto oggi simili menti non esistono.

 
At 25 ottobre, 2005 20:18, Blogger Antonio Saccoccio said...

Non esistono perchè viviamo in una dittatura della maggioranza.
Il nostro sistema democratico è degenerato in un sistema demagogico o "oclocratico", come avrebbe detto Cicerone. Abbiamo un "governo della feccia", e invece a noi servirebbe un "governo della virtus"...

 
At 26 ottobre, 2005 21:59, Anonymous demils said...

l'hai detto.

 

Posta un commento

<< Home