LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

sabato, febbraio 27, 2010

Mauro Marin e il Grande Fratello 10: un caso mediatico da studiare attentamente (parte terza)

Il caso Mauro Marin è - lo ripetiamo ancora - un vero e proprio caso mediatico. E quello che è accaduto in questi mesi attorno alla sua partecipazione al Grande Fratello può rappresentare una svolta nei rapporti tra i diversi media coinvolti.

Analizzando attentamente quanto è accaduto e sta accadendo in questa 10a edizione del Grande Fratello, ci rendiamo conto che la trasmissione è diventata ormai un prodotto pluri-mediale, inter-mediale. Osserviamo attentamente tutti i media coinvolti e analizziamo cosa sta accadendo. Da una parte c'è il setting della casa, con telecamere e microfoni ovunque che riprendono e rimandano in tempo reale immagini e suoni. Dall'altra c'è la trasmissione del lunedì sera, con un altro setting, costituito da ospiti, concorrenti eliminati, parenti dei concorrenti, pubblico, conduttrice, opinionista, con telecamere, microfoni e maxischermi. Il lunedì vengono rimandati spezzoni della settimana appena conclusa e ci si collega in diretta con la casa, creando interazione tra le due location. Inoltre, a volte sono i concorrenti stessi della casa a poter guardare, sugli schermi posizionati in casa, alcuni video precedentemente registrati in altri contesti.

Altro medium coinvolto è il cellulare/telefono, fondamentale per il televoto.

Fino a questo punto c'è la catena mediale prevista dalla produzione. Tutto, o quasi tutto, è gestito in modo centralizzato e gerarchico. C'è la produzione che comanda e decide, ci sono i concorrenti-attori che seguono le direttive della produzione, ci sono i conduttori/opinionisti che obbediscono anche loro alla linea della produzione. Tutto è quindi prevedibile, tutto va come deve andare. Il risultato è un programma noiosissimo e melenso. Una sorta di telenovela mal recitata e con la pretesa di essere qualcosa di diverso.

In questo schema di ampia prevedibilità si innestano solo 2 elementi non completamente controllabili: il pubblico in studio e il televoto. Il pubblico in studio, nonostante sia piuttosto pilotato, a volte reagisce in modo umorale, e qualche volta va persino contro il copione previsto dalla produzione-conduzione, causando le reazioni indignate della conduttrice, che in quei casi si irrigidisce improvvisamente richiamando il pubblico all'ordine (agli ordini!).

Il televoto resta l'unica variabile davvero importante. Ma qui la produzione ha comunque tutto da guadagnare, in quanto, anche se il pubblico dovesse eliminare uno dei concorrenti che la produzione ritiene indispensabili, alla fine converrà sempre seguire il volere degli spettatori, che sono comunque quelli che portano audience e quindi pubblicità.

A questo punto accade quello che non è stato previsto dalla produzione. Su questi media si innesta il nuovo medium per eccellenza: internet. E in particolare arriva il social network più diffuso: facebook. Il nuovo medium diventa l’aggregatore di un potere collettivo sempre crescente, un gruppo di individui che si uniscono in una rete che aumenta giorno dopo giorno esponenzialmente. Ed ecco che i conti non tornano più, perchè sul web ci si auto-organizza dal basso, in base ad obiettivi condivisi, non ci sono più pochi che comandano e decidono per tutti. Per fare network bisogna essere d'accordo, altrimenti non se ne fa nulla. Nel gruppo facebook pro Mauro Marin, compattissimo, ci sono ormai oltre 300.000 fans, e non ci sono pressioni di nessun tipo, il gruppo si autoregola e automodera. Ma la cosa più rilevante per il nostro discorso inter-mediale è il fatto che il gruppo agisce pesantemente e in modo compatto sul televoto. Quindi a partire dal medium internet (incontrollabile), attraverso il medium telefono/cellulare (solo parzialmente controllabile), si va ad influenzare profondamente il medium di massa televisivo (pienamente controllabile). Il vecchio modello gerarchico-piramidale della televisione è costretto a subire il potentissimo influsso del modello reticolare aggregativo e interattivo della rete. La conduzione e la produzione hanno dovuto così progressivamente abbandonare il loro schema che prevedeva il solito teatrino costruito su sentimentalismi lacrimosi e ha ceduto alla domanda del popolo di internet, che continua a chiedere qualcosa di nuovo, trovando incarnati i propri desideri in una figura irriverente sfuggente dirompente: Mauro Marin.

Ho voluto descrivere l'intreccio dei media per porre sotto gli occhi di tutti la grande questione della contemporaneità: la presenza costante nella nostra vita di media di ogni tipo, media che non sono affatto neutri e puramente strumentali, come qualcuno ancora si ostina a dire. In realtà i media trasmettono con il loro stesso funzionamento un messaggio preciso. La televisione, fulcro dei mass-media monolitici centralistici gerarchici monodirezionali, partorisce la produzione e la conduzione di trasmissioni come il GF pre-Marin. Il web, in cui dominano complesse logiche reticolari anarchiche multidirezionali, in questi mesi ha prodotto tramite il caso Marin la richiesta di una televisione radicalmente nuova. Una televisione che abbia al suo interno una logica più vicina al paradigma della rete, una televisione non più medium centrale, ma medium tra i media.Il caso Marin potrebbe quindi costituire il punto di svolta per la televisione e il suo format più evoluto, il Grande Fratello. La televisione potrà accettare la sfida, rinnovandosi e traendone una lezione e spunti per il futuro, oppure potrà chiudersi e tornare al GF pre-Marin cercando di limitare le interferenze degli altri media. Il secondo caso costituisce ovviamente un suicidio dal punto di visto tecnico.

Per chi crede come noi che il caso Marin possa smuovere le acque torbide della televisione italiana, non resta che spingere fortemente su quello che sta accadendo, non abbassare la guardia e fare in modo che Mauro Marin possa diventare il simbolo di una fase nuova nella storia dei media italiani, e non semplicemente un simpatico e intelligente goliarda.

Tutto quello che è successo non è solo merito di Mauro Marin, ma anche del popolo del web che si è riunito attorno a lui. Questo Mauro Marin non lo sa ancora, ma sarà un bene per lui rendersi conto subito, quando l'8 marzo uscirà dalla casa del GF da trionfatore, di essere diventato un simbolo per centinaia di migliaia di italiani. Il simbolo di una svolta. Una svolta che, paradossalmente, parte dal web, e non dalla televisione. E anche questo Mauro Marin non può proprio aspettarselo.

Antonio Saccoccio

Etichette: , , , , , , , , , , ,

14 Comments:

At 27 febbraio, 2010 08:01, Anonymous Anonimo said...

Complimenti!! le sue analisi sono sempre attente e puntuali!!
Era ora che certi programmi e certi autori la smettessero di decidere tutto a tavolino!!
Cordiali saluti, Toscadi

 
At 27 febbraio, 2010 14:32, Anonymous Nicola said...

I Marins stanno dando prova di enorme entusiasmo e grandissima intelligenza.

Siamo un gruppo straordinario e unitissimo!

FORZA MAURO!

 
At 27 febbraio, 2010 15:29, Anonymous Anonimo said...

E' proprio vero ottimo articolo.
Si potrebbe fare una tesi di laurea in sociologia a tal proposito.
Questo Mauro Marin ha scombussolato il sistema tv....e dall'esterno fanno sì che per la prima volta, i piani degli autori non vengano seguiti come di solito accade.
Il Marin ha creato un KAOS pazzesco!!!!
E la gente da casa se la ride di brutto!!!

 
At 27 febbraio, 2010 16:54, Anonymous Anonimo said...

Ottima analisi.
Il gruppo dei fan di Marin (al quale sono iscritto) sta dando dei segnai forti alla TV che autori e produttori dovrebbero saper cogliere. Forse per la prima volta la rete dimostra di guardare la Tv da una posizione di forza (300.000 iscritti) e di poterne condizionare i contenuti.
Non siamo tutti dei polli di allevamento, non siamo tutti dei pio pio...
siamo stanchi di programmi e personaggi mediocri e prevedibili.
Marin dimostra di essere un tipo difficile da controllare (emblematico l'episodio di oggi, la fune e il gelato, come a dire: se mi va mi faccio legare le mani ma se poi decido di slegarmi allora mi slego.) per questo sta raccogliendo questo ampio consenso.
Speriamo che questo sia 'inizio di un nuovo rapporto Rete-Tv.
Saluti e forza Mauro.

 
At 27 febbraio, 2010 21:01, Anonymous Anonimo said...

mamma mia oh che analisi logica e perfetta. Io, Marins, sono sicuro che quello che stiamo facendo sia un fenomeno, ma senza MAURO quelli lì l'avrebbero vinta di nuovo. A pio pio .... andatevene a casa voi .... Grazie per lo spazio concesso!

 
At 27 febbraio, 2010 21:22, Anonymous Anonimo said...

sempre c'è un modo per guadagnare a spesse d'altri, prima o poi ci renderemmo conto spero nn tardi.

 
At 28 febbraio, 2010 10:28, Anonymous elisa said...

grazie antonio, analisi perfetta...alcune mie riflessioni qui..
http://www.facebook.com/note.php?created&&suggest&note_id=332432104189

 
At 28 febbraio, 2010 19:54, Blogger Antonio Saccoccio said...

Ringrazio ancora tutti per i commenti.

Ricordo che il segnale mandato dal web alla televisione è stato in questo caso fortissimo.

Non dimentichiamoci che la televisione non cede il potere facilmente e ancora a lungo continuerà nel tentativo di oscurare le proteste della rete.

Abbiamo mandato un grande segnale, ora bisogna perseverare.

Crederci SEMPRE.
Rassegnarsi MAI.

 
At 28 febbraio, 2010 23:11, Anonymous google said...

mauro vince

 
At 28 febbraio, 2010 23:32, Anonymous Adolfo De Angeli said...

Nella sua giusta e interessante analisi ha omesso, sicuramente involontariamente, la parte più amara di tutta la storia. I centri nevralgici del potere non si sottometteranno facilmente alle logiche del mercato mediatico specialmente in Italia dove entrambe le cose sono la stessa faccia di un Giano bifronte. Il dovere di ogni fan di un Marin capace in questo momento di spezzare le catene di una cultura mediatica asservita alle logiche di mercato e indirettamente a quelle di un potere sinarchico e far si che alla fine di questa avventura il Marin non si lasci sedurre dal canto ammaliante delle sirene diventando un arma che si ritorce contro coloro i quali stanno trovando la speranza per un nuovo rinascimento mediatico. Saluti Adolfo De Angeli

 
At 01 marzo, 2010 14:15, Blogger tatiana said...

D'accordo al 100% con te..forza Mauro!!

 
At 01 marzo, 2010 16:06, Anonymous Anonimo said...

Ho letto con molto interesse i suoi articoli sul "fenomeno Mauro Marin", sono pienamente d'accordo con la sua analisi, che in privato avevo fatto anch'io.
Spero solo che non sfumi tutto con la fine del grande fratello ma possa essere un inizio per una televisione di buona qualità, che tutte queste persone continuino a lottare e boicottare programmi spazzatura (i reality se sfruttati in tutte le loro potenzialità e affidati a gente intelligente e colta, per me non fanno parte della "trash-tv").
Grazie mille per aver detto pubblicamente quello che molti già pensavano.
Patrizia

 
At 01 marzo, 2010 19:11, Anonymous Anonimo said...

Spettacolare!

 
At 04 marzo, 2010 18:29, Anonymous Anonimo said...

http://www.youtube.com/watch?v=wthPhrK443c

 

Posta un commento

<< Home