LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

domenica, febbraio 14, 2010

Performativi sempre: oralità, scrittura, elettricità

In pochi si sono resi conto di quanto l'esplosione dei media elettrici abbia riabilitato la dimensione orale, interattiva e performativa della parola. La scrittura, nelle due versioni a mano e a stampa, ha sicuramente permesso agli uomini di raggiungere livelli di analisi ed elaborazione del pensiero sconosciuti nel mondo orale. Ma la scrittura, e la conseguente lettura, ha portato anche gli uomini a mettere in secondo piano il momento performativo e agonistico della parola e a privilegiare l'introspezione e l'isolamento.
Oggi, dopo oltre un secolo di sviluppo continuo dei media elettrici, si ha la possibilità finalmente di integrare la dimensione orale e quella scritta, l'aspetto performativo e quello riflessivo della parola.
E' evidente che l'uomo tipografico gutenberghiano vede ancora i nuovi linguaggi audiovisivi e multimediali come un ritorno alla barbarie. E in un certo senso è proprio così, a patto di togliere ai barbari la consueta connotazione negativa, poichè questa nuova oralità ci costringe a ritornare all'agone, alla sana performance primitiva, che l'uomo isolato nella scrittura/lettura a mano/a stampa aveva quasi completamente abbandonato.
Ecco perchè gli accademici sono da sempre i nemici di ogni innovazione tecnologica e da un secolo i nemici di ogni avanguardia. Sono proprio loro, con il loro studio e le loro analisi così sganciate dalla vita, gli emblemi del vecchio paradigma chiro-tipografico, da decenni messo in crisi dal prepotente ritorno di un nuovo momento orale (che uno studioso raffinato come W. Ong chiama proprio "oralità secondaria").
Per questo motivo oggi i net.futuristi preferiscono (e i futuristi preferirono un secolo fa) l'agonismo tipico della comunicazione orale, capace di rivitalizzare la parola, chiusa altrimenti nelle stanze polverose della riflessione accademica.
I tratti caratteristici della comunicazione scritta e di quella orale oggi si confondono.
La scrittura di oggi su un blog, in un social network, su un forum, in una chat si presenta in superficie come un'evoluzione della scrittura tipografica, ma in profondità ripresenta l'agonismo tipico della vecchia oralità. Si sviluppa così un nuovo tipo di agonismo linguistico, che ha la viva immediatezza dell'oralità e la pienezza riflessiva della scrittura. Ed è per questo che blog, forum, chat sono graditi ai veri avanguardisti.
Per questo motivo, il Net.Futurismo adotta da tempo lo slogan Performativi sempre. Il recupero (con evidenti trasformazioni) dell'aspetto performativo, partecipativo, agonistico, neotribale della parola è davvero una delle più solide, radicali e gradite sorprese dell'ultimo secolo.
Certo, reggono ancora le palizzate erette dagli arroccati difensori del sapere solitario, isolante e isolato.
Sta a noi, avanguardisti del terzo millennio, buttare giù quelle fortificazioni.
Antonio Saccoccio

Etichette: , , , , , , , , , ,

5 Comments:

At 14 febbraio, 2010 16:00, Blogger ax-e2mr said...

grazie a questa successione d'incrementi a feed-back positivo della parola, lanciata attraverso i new-media, otteniamo uno sviluppo estremo delle idee!
Cosa impossibile per l'isolata e immobile scrittura accademica...

Questa è Retarchia!
post davvero importante...

 
At 14 febbraio, 2010 17:23, Blogger notecellulari di mariaserena said...

La partecipazione a social network, il blog e forum ha rimesso in moto la scrittura e la dialettica, ma anche la lettura; probabilmente ha fornito un efficace antidoto al cosiddetto analfabetismo di ritorno, di cui tanto si sono riempite le bocche degli esponenti olmediatici.
Coloro che intenzionalmente e con determinazione tendono a dequalificare e screditare l'attendibilità dei blog ignorano volutamente (?) l'efficacia di ciò che Saccoccio definisce "l'aspetto performativo, partecipativo e agonistico della parola".
Il web trattiene, memorizza, restituisce e vaglia. Spesso polemizza senza soggezione e smantella il regolismo.
Questa è davvero una gradita sorpresa. Gli accreditati del sapere (ossia le classiche categorie di saggi, competenti o esperti che siano), possono essere smentiti o contestati; allo stesso modo le opinioni non solo possono essere discusse, ma anche confutate pubblicamente.
Le "solide palizzate" reggono grazie al reciproco sostenersi, ma quanto reggeranno ancora?
Chiedo all'Autore del Post: è ipotizzabile che si vada verso una nuova concezione, dinamica, della pratica della conoscenza e della sua diffusione?

 
At 18 febbraio, 2010 20:10, Blogger Paolo Ciccioli said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
At 18 febbraio, 2010 20:20, Blogger Antonio Saccoccio said...

E questo non è ancora nulla.

Io credo che la scrittura sia comunque la più grande invenzione dell'uomo. Ha permesso di sviluppare il nostro pensiero in modo unico. Il problema è che qualcuno ha poi finito per trasformare la sana riflessione sul mondo in chiusura totale alla realtà.

Noi dobbiamo pensare ad una scrittura autenticamente ed elettricamente PERFORMATIVA.
SEMPRE!

La blog.net.futurista ha questo compito.

 
At 18 febbraio, 2010 23:28, Blogger Elisabetta Mattia said...

"Mentre il mondo della scrittura e della stampa puntano sulla logica, sui rapporti di successione, sulla storia, l'esposizione, l'obiettività, il distacco e la disciplina, il mondo della radio e soprattutto della televisione, di contro, sono imperniati sulla fantasia, il racconto, la contemporaneità, la simultaneità, la gratificazione immediata e la rapida risposta emotiva. [...] Questa nuova oralità ha sorprendenti somiglianze con quella più antica per la mistica partecipatoria, [...] ma si tratta di un'oralità permanentemente basata sull'uso della scrittura e della stampa. In più, nella nuova commistione di oralità, scrittura e stampa, resa possibile dai media elettronici, non esiste forma letteraria o processo mentale di tipo complesso, che sarebbe stato possibile prima della registrazione della voce".

Anch'io ho apprezzato Walter J. Ong! :)

 

Posta un commento

<< Home