LIBERI DALLA FORMA

IL PRIMO BLOG NET-FUTURISTA

domenica, maggio 13, 2007

Il rimbecillimento progressivo

“Il divertimento continuo è molto simile ad un rimbecillimento generale”

(dal Manifesto del Neofuturismo)

Ricordate questa frase del Manifesto del Neofuturismo? Ora leggiamo cosa scriveva Giovanni Papini nel 1951 ne "Il libro nero".

---

In una rivista che si pubblica in lingua inglese a Bombay, Maya, ho trovato una corrispondenza da Nizza, firmata Aurananda, che mi sembra degna di attenzione. L’autore, che dev’essere un giovane indiano di grande cultura, sostiene che i popoli occidentali, europei ed americani, dopo essere stati per molti secoli i proprietari della più alta intelligenza creatrice e giudicatrice danno ora l’impressione di un rimbecillimento totale e quasi pauroso, che sta diventando ogni anno più visibile e più grave. Dopo aver notato, con acutezza spregiudicata, i sintomi e le prove di questo generale decadimento, Aurananda enumera le cause principali dell’inaspettato fenomeno. Secondo lui sono queste:

1. La stampa settimanale illustrata, che si occupa quasi soltanto di scandali mondani, di delitti e di stranezze, con eccessiva prevalenza delle immagini fotografiche sulle idee e sulle discussioni critiche.
2. Il cinematografo, che abbrutisce sistematicamente la grande massa dei ceti medi e proletari con spettacoli di bestialità feroce, di sentimentalismo idiota, di falso lusso e in generale di vita imbecille, artificiosa e pretenziosa. Anche il cinema aiuta la pericolosa sostituzione del vedere al pensare.
3. Lo sport, nel quale è purtroppo evidente la sopravvalutazione dei valori puramente fisici e muscolari sui valori morali e intellettuali.
4. La sempre maggior diffusione, in tutte le classi della società, degli stupefacenti (oppio, morfina, cocaina, eroina) che finiscono con l’ottundere ed offuscare le facoltà superiori dell’anima e col preparare generazioni di maniaci, di rammolliti e di nevrotici.
5. L’abuso, pure crescente, specialmente tra i ragazzi e i giovani, delle bevande eccitanti e alcoliche.
6. La voga universale delle danze e delle musiche di origine primitiva e selvaggia, che rintontisce i cervelli, sfibra la volontà e crea un parossismo afrodisiaco debilitante. Anche il ballo favorisce lo stimolo muscolare e sessuale a tutto scapito della attività mentali superiori.
7. La radio, che trasmette soprattutto musica, e di solito cattiva musica, avvezzando i più ad una sogneria estenuante e morbosa, allontanando dallo studio, dalla mediatazione, dall’esercizio del pensiero operante.

8. L’esagerata parte che hanno oggi, nella vita occidentale, i ragazzi, le donne e i lavoratori manuali ( i tre padroni dell’epoca) cioè quelle porzioni di umanità che sono meno capaci di un profondo e continuato lavoro di riflessione.

Aurananda si stupisce che i governanti dell’Europa e dell’America non si diano alcun pensiero di questo progressivo rimbecillimento dei loro popoli e non si curino, in nessun modo, di arginarlo o di ritardarlo. L’esperienza fatta da me in questi ultimi anni nei viaggi attraverso questi popoli conferma pienamente le conclusioni della corrispondenza che ho letto nel numero 76 della rivista Maya. Ma chi legge, a Parigi o a New York, questa piccola rivista di giovani indiani?


da “Il libro nero”, cap. 22

Non si può negare la grande lucidità dell'analisi dello studioso indiano e di Papini. Qui abbiamo tutte le malattie contemporanee perfettamente dipinte: chiacchiere da bar su eventi mondani di nessuna rilevanza, prevalenza dell'immagine che annichilisce il pensiero attraverso il cinematografo e la fotografia, diffusione di pessima musica, uso e abuso di stupefacenti e alcool. Notevole anche l'aver citato i governanti dei nostri paesi, perchè è questo davvero che oggi sconvolge: passano ore, mesi, anni, questi governanti, a discutere sulla legge più stupida e insignificante, ma che il mondo sia in preda al rimbecillimento non sembra essere affar loro. Ora magari qualcuno si vorrà soffermare sul punto 8, mettendone in evidenza l'antifemminismo, ma non dimentichiamo che il brano è tratto da una rivista indiana degli anni Cinquanta, in condizioni spazio-temporali ben diverse dalle nostre. E' per questo notevolissima la previsione di ciò che saremmo diventati dopo 50 anni e che evidentemente, ad un occhio attento, già mostravano di essere nel 1951. E Papini, guarda caso, tutto questo lo aveva intuito. Come lo aveva intuito quel giovane studioso indiano.

Solo noi continuiamo ad ignorare questo rimbecillimento.

E continuiamo ad ignorare Papini, ovviamente.

Antonio Saccoccio

Etichette: , ,

9 Comments:

At 15 maggio, 2007 19:01, Anonymous Metafisico said...

se Papini notava segni di rimbecillimento nella società degli anni 50 figuriamcoi cosa direbbe di questa di adesso...

 
At 15 maggio, 2007 21:51, Blogger Antonio Saccoccio said...

Oggi un Papini servirebbe come il pane.
Papini avrebbe polverizzato il postmoderno a colpi di genio.

O forse il rimbecillimento attuale sarebbe stato troppo duro da digerire per un animo profondo come il suo.

Ma in fondo cosa sono i Neofuturisti se non tanti Papini sparsi per l'Italia che urlano il loro sdegno per la decadenza morale e intellettuale del paese?

 
At 17 maggio, 2007 22:46, Blogger Metafisico said...

una volta su un milione potrei dissentire per qualcosina con Papini.
Il punto 3 potrei non condividerlo se non fosse che lo condivido se legato al punto 4.
lo sport che fa male è quello che fa ricorso al doping

 
At 17 maggio, 2007 23:35, Blogger Antonio Saccoccio said...

beh, meta, ma pensa quanto è stata profetica quella sua osservazione.
Pensa a quello che dobbiamo vedere oggi spacciato per sport: intendo quelle signorine dei calciatori che si spacciano per atleti.

Anch'io non la condivido se estesa allo sport in genere, che invece può essere fonte di elevazione per lo spirito.
Io credo che come al solito Papini avesse già intuito la brutta piega che stava prendendo la società, anche riguardo allo sport.

un saluto!

 
At 10 agosto, 2007 00:53, Blogger gruppo san francesco said...

PARTITO INTERNETTIANO
Via Torelli Viollier, 33 � 20125 MILANO
www.partitointernettiano.it- email: francmi2008@yahoo.it

A seguito deliberazione del Gruppo San Francesco, Francesco Miglino segretario nazionale del partito internettiano, ha presentato un esposto alla
PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO
e per conoscenza al GIP Clementina Forleo, per esporre alla Magistratura l� agire, all� interno delle Istituzioni repubblicane, della famiglia del ministro Clemente Mastella e chiedere se � corretto oppure si configurano un conflitto di interessi o altri reati, avendo appreso che:
- �(�) Il prologo ed i festeggiamenti del matrimonio del figlio di Clemente Mastella sarebbero costati:
�(�) la bellezza di un milione e 250 mila euro di contributi erogati alla ISIDE NOVA � Sandra che tutto move (�)� (da il giornale.it)
- che l�assegno di unmilione250mila � staccato dalla Regione Campania, con a Presidenza del Consiglio Regionale Campania la moglie del ministro Clemente Mastella, sarebbe stato incassato dalla Iside Nova, associazione fondata e ad presidenza della moglie del ministro Mastella sino al 2005 ;
- che l� attuale presidenza della Iside Nova, dopo la elezione a Presidente della Regione Campania della moglie del ministro Mastella, � passata nel 2006 al figlio del ministro Mastella,
- che dopo aver incassato l� assegno di unmilione250 mila �, la Iside Nova, a presidenza il figlio del ministro Clemente Mastella, ne ha incassato recentemente un altro di 750mila euro emesso dalla Regione Campania per la manifestazione �quattro notti e.... pi� la luna piena�;

Il Gruppo San Francesco :
- apprezza la correttezza analitica del il �giornale.it� che ci ha informato sull� esborso della Regione Campania �(�) la bellezza di un milione e 250mila � di contributi erogati alla Iside Nova � Sandra che tutto move (�)�
- annota la drammatica ed angosciante denuncia di Giorgio Bocca apparsa nell� articolo sull� Espresso :
�VIVA GLI SPOSI CON I NOSTRI SOLDI
Nessun scandalo a Ceppaloni, il solito matrimonio di figli di ministri o notabili o capobastone. A spese dello Stato, della Regione, della Provincia, insomma del denaro pubblico. Le orchestrine, e i cantautori che si sono per l� allegria del Beneventano, la Oxa, Gigi D�Alessio, Lucio Dalla, avevano il disturbo pagato dalla Iside Nova , una associazione dei Mastella sponsorizzata dalla Regione Campania del presidente Bassolino. Concertini para istituzionali ora per un matrimonio ministeriale ora per il battesimo del figlio di un padrino della Camorra., e anche questa � storia risaputa , tradizionale. Dove sta lo scandalo ? Dove sta se per il matrimonio del figlio di un ministro si restaura la chiesa, si costruisce un posteggio, si mobilitano il Comune ed i vigili urbani? Che novit� � ? (�)�

Il Partito Internettiano a breve mander� in rete il proprio portale e metter� in atto il vero, sostanziale evento rivoluzionario che � il controllo democratico tramite internet sulle singole, dettagliate voci della spesa di denaro pubblico: l� unico strumento di controllo effettivo a disposizione di chiunque voglia impegnarsi per l� Italia amministrata con correttezza e denudare le illegalit� gravissime e destabilizzanti attualmente in atto nascoste nei supporti cartacei non a portata della gente.
Alla ragioneria della Regione Campania saranno chiesti i bilanci e le singole voci di spesa di denaro pubblico che dovranno scorrere in rete in modo che ogni Campano possa conoscere la qualit� dei propri amministratori ed ogni contribuente possa conoscere chi gestisce e come viene impiegato il proprio denaro conferito in tasse.
Temiamo che i masterweb in PHP del partito internettiano, appena busseranno alla porta della Regione Campania per chiedere i dati contabili da mandare in rete, saranno respinti a male parole se non pesantemente malmenati. Essendo videocorredati potranno documentare e mandare in rete la violenza con cui le incrostazioni locali difendono lo status quo.
Il cammino � appena iniziato e sar� durissimo portare il controllo internettiano e popolare sulle voci di spesa specialmente dove interi pezzi dell� Italia repubblicana, sono nelle mani delle cosche e non solo quelle della malavita organizzata.
Solo la rete salver� il nostro sventurato Paese dalla classe politica che, lontano dalla Costituzione repubblicana, senza pudore e sotto i nostri occhi lo vessa e lo immiserisce.

per la segreteria del partito internettiano
Francesco miglino

 
At 10 agosto, 2007 00:56, Blogger gruppo san francesco said...

il futurismo è l' immateriale gioco delle sinapsi che si materializzano in un progetto collettivo nel cosmo degli incontri e degli elaborati dei saperi.

 
At 30 gennaio, 2009 19:24, Blogger Francesco said...

PARTITO INTERNETTIANO
Via Torelli Viollier, 33 - 20125 Milano - www.partitointernettiano.it

Egregio presidente Barak Obama,
sono stati molto apprezzati i due inviti pervenutici per partecipare alla cerimonia del Suo insediamento alla Presidenza degli USA, a seguito i nostri interventi sulla crisi automobilistica americana.

A ringraziarLa non è soltanto il sottoscritto, ma i giovani ricercatori del Gruppo San Francesco e gli aderenti al Partito Internettiano, tutti determinati a dare il proprio apporto, affinché Internet sia strumento di crescita culturale, di partecipazione e di controllo popolare per selezionare una classe politica democratica capace di scelte coraggiose e che metta “in rete” il proprio agire per la gestione trasparente della “res publica”.

Ma ciò che ci ha entusiasmato è l' invito inclusivo, forse il primo da parte di un politico, del Suo delegato Emmett S. Beliveau che ci ha sollecitato a partecipare in termini di proposte e suggerimenti durante il Suo mandato alla Casa Bianca: lo stesso invito in stile internettiano che ha raccolto migliaia di adesioni rendendo possibile la relizzazione di Wikipedia, la più attendibile e grandiosa enciclopedia universale.

Gli enunciati del Suo programma hanno raccolto consensi in ogni parte del mondo ed è alta la fiducia nella Sua forza morale e politica. Si attendono le scelte necessarie per cambiare il corso drammatico per il quale prodotti dannosi per l' umanità, pur esaurito il loro corso storico, vengono imposti alle società ed ai governi da potenti Gruppi finanziari.

Le esalazioni delle auto che utilizzano i derivati del petrolio sono la vera afflizione del nostro tempo: procurano, solo in Italia, 38 mila morti all' anno, colpiscono le vie respiratorie di migliaia di persone condannate ad una vita di sofferenze ed avvelenano l' ambiente, patrimonio da preservare per la dignitosa sopravvivenza della nostra specie.

L'autonomia era il problema dei motori elettrici: oggi è risolto dal motore della Tesla Roadster che percorre 400 km con una ricarica e dal motore europeo che ne percorre 250, sogno ecologista di Andrea Pininfarina ora realizzato, con la francese Bollorè, proprio dall'impegno devoto di Sergio, Paolo e Andrea Pininfarina, in memoria del fratello scomparso.

Signor presidente Obama, a scrivere la Storia delle società contemporanee oggi sono i costruttori dell' Era Internettiana, il cui motto è “Don't Be Evil” e le cui invenzioni sono al servizio di tutti. Giganti del solidarismo internettiano come Larry Page e Sergey Brin si battono per la diffusione gratuita dei saperi e le loro invenzioni accelerano i processi evolutivi delle società complesse e donano libertà e felicità: i protagonisti della politica debbono ispirarsi a costoro e dare generose prove di agire per il bene comune.

Signor Presidente Obama, difenda la salute dei cittadini e dell' ambiente incentivando la produzione del motore elettrico per autotrazione, da sostituire al vecchio motore a scoppio.

Il mondo attende da Lei questo primo concreto atto di svolta urgente e necessario.

Mentre accogliamo l' invito a destinarLe le nostre convinzioni, Le inviamo i più cordiali auguri per la realizzazione del Suo programma e di buon lavoro per i suoi Suoi impegni di Governo.

Francesco Miglino - segretario del partito internettiano Milano 25/01/09

Scritto da: francesco miglino | martedì 27 gennaio 2009 at 02:31

 
At 02 agosto, 2009 16:41, Blogger Francesco said...

In nome del festival di San Remo


Nella competizione con Paesi la cui classe politica incentiva la crescita culturale dei propri cittadini, il Popolo italiano e le nuove generazioni pagheranno a caro prezzo l' espropriazione dalla consapevolezza sociale e culturale perseguita forsennatamente da gruppi di potere con una onnipresente ed incalzante "industria della distrazione di massa per la creazione di teste vuote", che non lascia aperture alla conoscenza ed alla riflessione sui problemi veri posti della società contemporanea.


Agli Italiani che notoriamente non leggono, le televisioni, scandalosamente omologate, infliggono quotidianamente notizie filtrate che non li informano, ma sapientemente li distraggono a suon di canzoni, li alienano, li avviliscono, li aizzano con servizi su fatti di cronaca fisiologici alle società complesse, artatamente enfatizzati e volgarmente strumentalizzati. In estenuanti esposizioni mediatiche, Parlamentari che fondano la carriera politica istigando all' odio sono pronti a cavalcare le emozioni per invocare leggi repressive che spesso calpestano i diritti dell' Uomo.

Gravissime sono le responsabilità di tutti coloro che alimentano l' "industria della distrazione per la creazione di teste vuote", che con la disinformazione mutilano i cittadini della partecipazione consapevole ai problemi reali della propria comunità e precipitano il Paese nel più grave decadimento civile dopo il fascismo.

In questo contesto, particolare valore assume quanto enunciato nell' articolo 16 del programma del partito internettiano:

"lotta frontale ai mass media ed agli operatori che consapevolmente si prestano a diffondere trasmissioni artatamente devastanti , concepite per sviare la mente e privare, soprattutto i giovani, del tempo prezioso della formazione culturale, dell'esercizio del senso critico, della riflessione e della visione responsabile dei problemi sociali; giovani ridotti a indifesi ricettori di comportamenti dissennati, temi futili e pulsioni babbuinesche, condannati alla passività e all'asservimento come unica risposta al controllo e all'aggressione esercitati impunemente dai poteri forti sulla società civile tramite i mass media.

Francesco Miglino

segretario nazionale del partito internettiano

partito internettiano via Torelli Viollier, 33 - 20125 - MILANO

www.partitointernettiano.it - partitointernettiano@gmail.com

 
At 04 giugno, 2010 23:18, Blogger francesco miglino said...

AGLI "IMBESUITORI" I POLITICI AFFIDANO IL COMPITO DI DISTRARRE LE MASSE PER NASCONDERE INCAPACITA' E TRUFFE.
Grazie agli "imbesuitori" oggi scatenati più che mai nel fare regredire il cervello della gente all' età mentale di 10 anni, il nostro paese si avvia verso la perdita del proprio PATRIMONIO SOCIALE costituito dalla consapevolezza che un popolo ha dei problemi collettivi da risolvere e di come affrontarli insieme per progredire.

Gli "imbesuitori" saturano quotidianamente la testa della gente con pettegolezzi, canzonette, dissertarzioni inconcludenti, trame concepite per facili coinvolgimenti emotivi che per ore, mesi, anni impegnano i cervelli dei culturalmente indifesi senza lasciare loro un attimo di respiro sino a mutilarne il bisogno di riflettere ed il senso critico, suprema conquista del cervello umano che crea il varco fra l' universo dell' uomo e le altre specie del regno animale.

Le più corrotte ed ottuse classi politiche hanno bisogno assoluto del lavorio incessante degli "imbesuitori" per fare vivere in ottundente spensieratezza i sudditi.
I volti degli "imbesuitori" entrati nelle case e recepiti come familiari dal popolo vengono poi utilizzati dai corrotti per campagne pubblicitarie finalizzate a far passare scelte e leggi che colpiscono proprio gli interessi dei sudditi.

Immaginate per un attimo la nostra informazione senza gli "Imbesuitori" e finalmente gli italiani possano conoscere in dettaglio l' agire ed i nomi dei politici che hanno indebitato ed indebitano il nostro paese, umiliano la scuola e la ricerca, creano inefficienza sistemando parenti ed amici impreparati in delicati ruoli istituzionali e sociali, duplicano il costo dei lavori pubblici, entrano nei ministeri da nullatenenti ed escono da proprietari di appartamenti, trascurano l' avvenire dei giovani... ecc...ecc..
Le stesse masse che gli "imbesuitori" convogliano settimanalmente negli stadi, aprirebbero gli occhi e dopo pochi giorni di informazioni corrette chiederebbero a gran voce giustizia sia nei luoghi istituzionali che sotto le case dei peculatori il cui cielo sarebbe annuvolato dagli elicotteri per la fuga.
Usare la massiccia distrazione di massa come arma politica per nascondere le proprie malefatte è un pericoloso e perverso atto antisociale utilizzato dalle feroci dittature sud americane e che oggi viene tristemente e quotidianamente praticato in Italia.
francesco miglino - segretario del partito internettiano

 

Posta un commento

<< Home